Recensione 1More PistonBuds Pro: non me ne separerò così facilmente

Dopo i Comfobuds Pro torniamo a parlare di 1More con una bella anteprima (grazie Goboo): ecco 1More PistonBuds Pro!

https://youtu.be/Wiwv-r73bN8

Estetica e Design

Siamo agli antipodi rispetto alle Comfobuds, con un case più compatto e dalle linee più rigide, che personalmente preferisco. É tutto in plastica opaca, con una parte superiore lucida con impresso il logo 1more e una trama molto elegante, che mi ha ricordato il riflesso “classico” dei CD. Sul retro trovano posto la porta di tipo-C per la ricarica e un tasto per il reset/pairing mentre, frontalmente, troviamo un led per lo stato di carica. Ultimo appunto sul case è per il coperchio, molto solido e senza scricchioli, con un bel “clac” di chiusura.

Passando ai buds noterete subito la coerenza estetica, molto apprezzata con il case. La forma è abbastanza classica, con l’iconica inclinazione a 45° del canale auricolare, segno distintivo di 1More sin dai primi modelli. Nonostante sembrino un po’ più “grossi” rispetto ad altri modelli, sono leggerissimi, pesando singolarmente circa 4 grammi e mezzo.

Ho trovato i PistonBuds molto comodi, anche per sessioni da oltre 2 ore, e molto saldi nelle orecchie. Anche in sessioni un po’ più “spinte” di tapis-roulant non ho dovuto ricorrere spesso a micro-aggiustamenti, e la certificazione IPX5 è una ulteriore garanzia per l’utilizzo in ambito fitness.

1MORE PistonBuds Pro

1More Music APP

Il centro di controllo resta l’app 1More Music, attraverso la quale potremo gestire:

  • ANC & Trasparenza
    • Abbiamo due modalità di cancellazione attiva, una classica e una per ridurre i fastidi causati dal vento. Ho potuto testarle anche in aereo e…che dire, non ho strumenti adatti ad una misurazione più scientifica ma riescono davvero ad eliminare gran parte delle frequenza basse. Le ho utilizzate anche in giro, durante gli orari di punta, seduto su una panchina mentre leggevo un libro e…la pace. In questa fascia di prezzo è davvero difficile chiedere di più.
  • Smart Playback
    • Avendo il sensore di prossimità gli auricolari andranno automaticamente in pausa una volta tolti. In questa sezione potremmo, però, decidere di disattivarlo.
  • Controlli
    • I controlli sono abbastanza completi. Con una pressione prolungata possiamo attivare, in maniera “circolare”, ANC e trasparenza. Abbiamo poi il doppio ed il triplo tap, al quale potremo associare (obbligatoriamente per entrambi gli auricolari): play/pausa, traccia precedente/successiva, volume e assistente vocale.
  • Modalità Bassa Latenza
    • I PistonBuds Pro godono già di una buona latenza, che c’è ma non dà fastidio nemmeno durante la visione di film o serie in streaming ma che, grazie a questa modalità dedicata, migliorerà ulteriormente, e risulterà utile soprattutto durante il gaming.
  • Aggiornamento Firmware
  • Equalizzatore
    • Abbiamo a disposizione 12 eq. pre-impostati curati da Luca Bignardi, un professionista del settore (e vincitore di alcuni Grammy Awards). Nonostante avrei preferito avere una modalità completamente personalizzabile, devo dire che questi preset sono davvero funzionali e riescono a “modificare” il mood di questi auricolari.
  • Guida Rapida
  • Soothing Sounds
    • Una serie di suoni rilassanti da poter far partire a piacimento. O per effettuare il burn-in degli auricolari.
1MORE PistonBuds Pro

Audio & Chiamate

Prima di parlarvi di come suonano queste cuffie vi devo confessare che non vedevo l’ora di ascoltarle, perché il tuning è stato effettuato da Luca Bignardi, che curò anche le Xiaomi Hybrid 2 Pro (che ancora oggi sono tra le mie cuffiette preferite, e che ho dimenticato in un hotel in Cina). Non sono assolutamente rimasto deluso e, vi dirà, è davvero difficile che un modello 1More deluda sotto l’aspetto puramente “uditivo”. Purtroppo non dispongo ancora di mezzi per il calcolo della curva di risposta in frequenza, ma le mie orecchie hanno notato una certa naturalezza in tutto lo spettro, con poca enfasi sulle basse, che rende questi auricolari adatti a qualsiasi genere (anche il metal, assafà). Tra l’altro, come vi ho già detto, le eq. preimpostate sono davvero ben fatte e potrete sbizzarrirvi a vostro piacimento per renderle più o meno “tunz tunz”. La pressione sonora non è la più alta tra gli auricolari che ho provato ma è adatta praticamente a tutti, a meno che non siate come me e vi piaccia spaccarvi i timpani.

Anche in chiamata i 1MORE PistonBuds Pro regalano belle soddisfazioni, soprattutto per la soppressione dei rumori. Rimangono, però, un po’ inferiori ai Comfobuds perché la voce restituita non è molto naturale ma un po’ robotica. Detto questo le chiamate sono comunque piacevoli e senza fastidiose interruzioni.

1MORE PistonBuds Pro

Autonomia

Senza l’ANC attivo i 1More PistonBuds Pro mi hanno accompagnato per quasi 10 giorni senza aver bisogno di ricaricarli, con quasi 30 ore di autonomia tra musica, chiamate e streaming (a volume variabile tra il 60 ed il 100%, a seconda delle situazioni). I test fatti con l’ANC sempre attivo, invece, si attestano su circa 22 ore di autonomia, che rimane (secondo me) un valore niente male considerando che difficilmente terrete l’ANC costantemente attivato.

Conclusioni, prezzo & offerte

I 1MORE PistonBuds Pro vengono lanciati oggi a 49.99€ su goboo, in offerta lancio. A questo prezzo io non posso che consigliarvele. A prezzo pieno, sui 70 euro, potrei anche consigliarle ma a quel prezzo hanno già più competitor (anche in casa con le comfobuds pro). Se siete interessati ad un paio di auricolari con ANC, certificazione IPX5, con buone performance in chiamate e, soprattutto, un audio davvero ottimo, questo è il momento giusto per acquistarle!

Audio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.